ELETTROTERAPIA

Si tratta dell’utilizzo dell’energia con scopo terapeutico: in base alle patologie e alla necessità cliniche vengono applicati impulsi elettrici di diverse forme che hanno effetti diversi sull’organismo.

Le tipologie di corrente usate:

  • Corrente continua
    Trattamento conosciuto più genericamente come IONOFORESI: utilizza la corrente elettrica mantenendone l’emissione continua e con intensità costante
  • Corrente variabile
    Trattamento che utilizza la corrente elettrica alternandone l’intensità

Si usa per:

  • Per favorire l’assorbimento di sostanza nutritive carenti
  • Per l’espulsione di sostanze di scarto
  • Per favorire l’assorbimento cutaneo di un farmaco (di solito antinfiammatorio). In questo caso il paziente avverte solo un leggero formicolio durante l’applicazione.
  • per recuperare forza e ridare tono alla muscolatura rimasta ferma dopo un’intervento chirurgico o per patologie degenerativo-acute

TENS

In termini tecnici si tratta di acronimo di Elettrostimolazione nervosa transcutanea. In questo trattamento sono combinati tre tipi di correnti elettriche, utili per la terapia dei disturbi muscolo-scheletrici.
Essa utilizza elettrodi applicati sull’area dolorante che verrà stimolata dall’emissione di corrente che giungerà alle fibre nervose attraverso gli eltettrodi stessi.

Si usa per:

  • Per curare dolori reumatici, artriti e dolori. Localizzati.