GLI INFORTUNI NELLO SPORTIVO…E COME PREVENIRLI

INFORTUNI NELLO SPORTIVO…E COME PREVENIRLI

Il movimento rappresenta oggi un importantissimo strumento per il benessere dell’individuo, come ampiamente riportato in numerose ricerche scientifiche già da molti anni. Aldilà dell’obiettivo specifico e del tipo di attività svolta (sportiva, dilettantistica-amatoriale, ricreativa), i benefici di tale pratica sono riscontrabili infatti a livello fisico, psicologico e sociale. Tuttavia, insieme a questi aspetti positivi esistono anche rischi collegati allo stato di salute.

In particolare, un livello di forma non adeguato, la pratica eccessiva (il cosiddetto “sovraccarico”) o movimenti alterati possono portare a problematiche muscolari ed articolari in regioni corporee differenti a seconda del tipo di attività. Più rari, seppur possibili, sono invece i traumi da contatto (cadute, contrasti con avversari…).

infortunio nello sportivo

I sovraccarichi si manifestano solitamente a livello di ginocchia, caviglie, spalle e schiena generando contratture muscolari, infiammazioni tendinee (chiamate “tendiniti”) e articolari (come le “borsiti”, ad esempio) e determinando una graduale usura delle superfici ossee e cartilaginee. Movimenti alterati sono invece collegati a traumi distorsivi (ginocchia e caviglie in primis) e infortuni muscolari (i comuni “stiramenti” e “strappi”). I traumi da contatto (detti anche “diretti”) variano invece dalle semplici contusioni muscolari alle più invalidanti fratture ossee o lussazioni articolari (la spalla ne rappresenta il caso più tipico).

Elemento comune a tutte le problematiche elencate è il dolore e la limitazione funzionale, oltre alla sospensione dell’attività per un periodo che va da qualche giorno a numerose settimane.

Per ridurre al massimo il rischio di infortunio occorre conseguentemente mantenere un livello di efficienza fisica il più possibile elevato e praticare attività in condizioni di sicurezza, scegliendo correttamente l’abbigliamento (calzature in primis) e rispettando le condizioni atmosferiche nel caso di attività outdoor (temperature eccessivamente alte o basse, terreni pericolosi…).

infortunio nello sportivo

Oltre alla pratica specifica, è fondamentale mantenere un buon livello di forza muscolare generale (soprattutto negli arti inferiori e nella regione addominale / glutea), ed una adeguata mobilità articolare, limitando gli squilibri di tono e elasticità tra le parti corporee.

Infine, ma non per importanza, occorre evitare allenamenti in condizioni di stress fisico eccessivo, permettendo al corpo il giusto recupero prima di iniziare una nuova attività.

Ricordate di rimanere aggiornati sulle novità Fisiokine, lasciate un like alla nostra pagina Facebook

(infortuni nello sportivo)